GLI EDITORIALI

Importanti indicazioni per gli agenti immobiliari.

Importanti indicazioni  per gli agenti immobiliari.
A cura dei legali nazionali FIMAA Italia Il Decreto attuativo degli articoli 73 e 80 del Dlgs. 59/10 (Bolkestein) Il Ministero dello Sviluppo Economico, in attuazione dell’art.80 del Dlgs.59/10, ha emanato il decreto inerente le modalità di iscrizione al Registro delle Imprese e al Rea sia di coloro che vorranno iniziare l’attività di agente d’affari in mediazione, sia di coloro che sono già iscritti nel Ruolo dei mediatori. Si ricorda che l’art.73 del Dlgs.59/10 aveva soppresso il Ruolo degli agenti di affari in mediazione e l’art.80 dello stesso decreto aveva demandato ad uno emanando decreto attuativo l’indicazione delle modalità di iscrizione e di trasferimento nel Registro delle imprese e nel Rea dei soggetti già operanti. Successivamente le circolari 3635/c e 3637/c del Ministero dello Sviluppo Economico precisavano che la soppressione del Ruolo doveva intendersi rinviata alla data di entrata in vigore dell’emanando decreto attuativo. Nel frattempo le Camere di Commercio avevano quindi continuato ad iscrivere i nuovi operatori in via provvisoria nel “soppresso Ruolo”. L’art.15 del Decreto ora approvato e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 13/1/2012 prevede che l’efficacia dello stesso è rinviata al compimento del centoventesimo giorno dalla data di pubblicazione, e quindi al 12/5/2012. L’art.11 del Decreto prevede quindi le norme transitorie e dispone che: a) entro un anno dalla data di acquisizione di efficacia del Decreto (quindi entro il 12/5/2013) le imprese iscritte nel Ruolo alla data del 12/5/2012 ed attive dovranno provvedere a comunicare i propri dati e confermare il possesso dei requisiti necessari per l’esercizio dell’attività alla Camera di Commercio nel cui circondario hanno stabilito la sede principale, compilando un apposito modulo ed inviandolo in via telematica; b) la comunicazione di cui sopra dovrà essere effettuata dagli operatori per ogni sede o unità locale; c) le persone fisiche iscritte a Ruolo che non svolgono l’attività presso alcuna impresa devono inoltrare per via telematica un’apposita comunicazione alla Camera di Commercio competente, sempre entro il 12/5/2013, per ottenere l’iscrizione nell’apposita sezione del Rea (Repertorio economico amministrativo). Per una prima disamina evidenziamo alcune delle norme di maggiore interesse contenute nel presente provvedimento : 1) l’inizio dell’attività per i nuovi operatori avverrà tramite presentazione della Scia (segnalazione certificata di inizio attività), corredata dalle certificazioni e dichiarazioni previste dalla legge attestanti il possesso dei requisiti previsti dalla L.39/89 e successive modificazioni; 2) l’impresa che esercita l’attività in più sedi o unità locali dovrà presentare una Scia per ciascuna di esse, nominando per ogni punto un soggetto abilitato all’esercizio dell’attività; 3) per lo svolgimento dell’attività permangono gli stessi requisiti e incompatibilità previsti dalla Legge 39/89 e successive modifiche; restano altresì in vigore le norme inerenti i provvedimenti disciplinari di cui al Regolamento di attuazione di detta legge(D.M 452/90); 4) l’ufficio del Registro delle imprese rilascerà agli aventi diritto la tessera personale di riconoscimento munita di fotografia comprovante l’iscrizione; 5) il deposito dei moduli e formulari di cui all’art.5 della L.39/89 dovrà essere effettuato in via telematica; 6) è consentito l’esercizio di mediazione occasionale per un periodo non superiore a sessanta giorni in un anno a condizione che il soggetto persona fisica provveda ad iscriversi nell’apposita sezione del Rea, fermo restando l’obbligo di possedere i requisiti previsti dalla L.39/89 e successive modifiche; 7) le imprese aventi sede in uno stato dell’Unione Europea ed ivi abilitate all’esercizio dell’attività di mediazione, ove intendano aprire unità locali in Italia, hanno titolo per l’iscrizione nel Registro delle imprese e Rea e sono tenute all’osservanza dell’obbligo di idonea garanzia assicurativa a copertura dei rischi professionali; 8) il Ministero ha previsto che ogni comunicazione agli uffici competenti avvenga in via telematica tramite compilazione di appositi modelli che ha allegato al decreto. Al fine di consentire agli interessati di recepire le nuove modalità di gestione dell’attività e di adeguarsi alle stesse il Ministero dello Sviluppo Economico ha, come su esposto, rinviato l’applicazione delle norme a far data dal 12/5/2012 per dar modo altresì, anche alle varie C.C.I.A.A., di potersi attrezzare per recepire la predetta normativa. Avv. Paolo PESANDO Avv. Daniele MAMMANI